CORSO DI INFORMAZIONE, FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI AI LAVORI IN QUOTA ED USO DPI DI TERZA CATEGORIA (8 ORE)

All’interno dell’ampio spazio dedicato ai cantieri temporanei o mobili, il Testo Unico riserva un intero Capo, il secondo, per illustrare le norme relative alla prevenzione degli infortuni sul lavoro in quota.

L’art. 107 definisce i lavori in quota come quelle attività lavorative che espongono il lavoratore al rischio di caduta da una altezza superiore a due metri rispetto ad un piano stabile, ne sono quindi compresi anche le attività di scavo che prevedono profondità superiori a quella sopra indicata.

La sezione II, articoli dal 108 al 111, illustra quindi le disposizioni di carattere generale, precisando che i cantieri in cui siano adibite attività che prevedano lavori in quota debbano essere provvisti di idonee recinzioni per impedire l’accesso ad estranei e che il transito sotto ponti sospesi, scale ed aree simili, deve essere impedito mediante barriere.

L’articolo 111 illustra quindi gli obblighi ascrivibili al Datore di Lavoro, con due precisazioni introduttive di carattere generale:

  • deve essere data la priorità alle misure di protezione di tipo collettivo rispetto a quelle individuali;
  • deve essere posta particolare attenzione alle dimensioni e all’ergonomia delle attrezzature di lavoro.
  • Sulla base di questi due principi si elencano quindi i conseguenti e relativi obblighi

Descrizione

Ai sensi degli Artt 36, 37, 77, 105, 115 del D. LGS. 81/08 – CORRETTIVO D. LGS. 106/09

Durata parte teorica: 4 ore

Durata totale: 8 ore

Descrizione:

All’interno dell’ampio spazio dedicato ai cantieri temporanei o mobili, il Testo Unico riserva un intero Capo, il secondo, per illustrare le norme relative alla prevenzione degli infortuni sul lavoro in quota.

L’art. 107 definisce i lavori in quota come quelle attività lavorative che espongono il lavoratore al rischio di caduta da una altezza superiore a due metri rispetto ad un piano stabile, ne sono quindi compresi anche le attività di scavo che prevedono profondità superiori a quella sopra indicata.

La sezione II, articoli dal 108 al 111, illustra quindi le disposizioni di carattere generale, precisando che i cantieri in cui siano adibite attività che prevedano lavori in quota debbano essere provvisti di idonee recinzioni per impedire l’accesso ad estranei e che il transito sotto ponti sospesi, scale ed aree simili, deve essere impedito mediante barriere.

L’articolo 111 illustra quindi gli obblighi ascrivibili al Datore di Lavoro, con due precisazioni introduttive di carattere generale:

  • deve essere data la priorità alle misure di protezione di tipo collettivo rispetto a quelle individuali;
  • deve essere posta particolare attenzione alle dimensioni e all’ergonomia delle attrezzature di lavoro.
  • Sulla base di questi due principi si elencano quindi i conseguenti e relativi obblighi

Questi vanno dalle disposizioni sulle attrezzature da adottare quali funi (art. 116), scale (art. 113) e ponteggi (sezioni IV, Ve VI) alla descrizione nel dettaglio delle caratteristiche tecniche che devono possedere, le dimensioni, il posizionamento ed i requisiti di conformità minimi affinché possano essere impiegate. Particolare evidenza viene data ai dispositivi di protezione collettiva anti caduta, specificandone l’obbligo di adozione e l’impossibilità di iniziare una attività in loro assenza.

Così come già per altre tipologie di rischio, viene data particolare evidenza agli aspetti relativi alla formazione ed informazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti; formazione che assume carattere prioritario in questo ambito, per gli elementi che costituiscono il corretto impiego dei Dispositivi di Protezione Individuali, come descritti nell’art. 115 (assorbitori di energia, dispositivi di ancoraggio, cordini ed imbragature) che devono essere obbligatoriamente utilizzati qualora non sia stato possibile per motivi tecnici adottare idonee misure di protezione collettiva.

Si tratta dunque di un corso rivolto agli addetti che svolgono attività lavorative che espongono il lavoratore al rischio di cadute, da una quota posta ad altezza superiore a 2 metri rispetto ad un piano stabile.

Esso include argomenti inerenti DPI III Categoria, ed è suddiviso in una parte teorica e in una pratica. Il corso ha una durata complessiva di 8 ore e una scadenza quinquennale.

ai risultati della partecipazione al corso.

Per informazioni, costi ed iscrizione contattarci tramite il form qui sotto

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in anteprima le news

Contatti

Orario

  • 08.30 - 17.30 | Lunedì - Venerdì

Copyright © 2021. All rights reserved. – P.Iva 09670921213